Cosa c'è nel nome del farmaco??

Cosa c'è nel nome del farmaco??

Si dice che sia, che la maggior parte delle malattie umane sono radicate in fattori psicologici. Quindi non dovremmo essere sorpresi, che la psicologia gioca un ruolo importante nell'uso dei farmaci. Abbiamo tutti sentito parlare del placebo, capsule con glucosio o altra sostanza neutra, utilizzato nei test alla cieca, e che, come sospettiamo, a volte vengono ceduti dai medici a pazienti in difficoltà, chi vuole attenzione. In effetti, non sarebbe etico farlo da un medico. Tuttavia, avrebbe potuto fare diversamente – prescrivere lo stesso farmaco, ma con un nome commerciale diverso. La maggior parte dei prodotti farmaceutici ha molti nomi.

Ogni farmaco ha almeno due nomi ufficiali: nome chimico sistematico, che può occupare molte righe di testo, e nome generico (internazionale). Nome chimico con le sue numerose parentesi, prefissi greci, in corsivo, simboli e numeri sono illeggibili e facili da confondere, soprattutto questo, che non hanno familiarità con la terminologia chimica. Il nome internazionale di solito è semplice, breve e facile da ricordare. Quindi abbiamo N-acetil para-amminofenolo (nome chimico) e paracetamolo (nome internazionale).

Inoltre, abbiamo nomi commerciali, di cui conosciamo dozzine per questo farmaco. Il suggerimento dell'annuncio può portarci ad acquistare solo Panadol o Tylenol o qualsiasi altro prodotto con il nome utilizzato al posto di, in cui viviamo. Nello stesso Regno Unito, i medici possono prescrivere il paracetamolo come Alvedon, Cafadol, Dispro, paldesico, Panaleve, Salzone e Tylex. Alcuni di essi contengono miscele di altre sostanze.

Il medico può prescrivere il medicinale con un nome commerciale o internazionale, che incide anche sul prezzo. Tuttavia, la scelta più economica ripagherà davvero nel lungo periodo?? Le aziende che producono un farmaco con un nome internazionale di solito non conducono ricerche. A loro volta, le grandi aziende farmaceutiche devono imporre prezzi più alti sui loro prodotti, per finanziare la ricerca di nuovi farmaci. È triste, che hanno bisogno di ancora più soldi per la promozione, protezione dei brevetti e aggiornamento di vecchi prodotti. Le aziende farmaceutiche impegnate nella ricerca necessitano di una protezione brevettuale più lunga, a partire dalla data di approvazione del farmaco per l'uso, e non dalla sua scoperta. In questo periodo hanno bisogno di aiuto, fornito da un marchio riconosciuto. Ecco di cosa parla il nome.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *