Artrite e farmaci antinfiammatori non steroidei

Artrite e farmaci antinfiammatori non steroidei.

Alcuni farmaci, come se il cortisone fosse uno steroide, alleviare l'infiammazione, ma non alleviano il dolore. Altro, come la morfina, alleviare il dolore, senza effetti antinfiammatori (parleremo ulteriormente di questo tipo di farmaco nel prossimo articolo). Alcuni farmaci combinano entrambe le proprietà e sono classificati come farmaci antinfiammatori non steroidei. Uno di questi è l'aspirina, che è diventata l'arma fondamentale nella lotta contro l'artrite.

Allora ci occupiamo di artrite reumatoide, quando il sistema immunitario attacca il proprio corpo, in questo caso, il tessuto tra le articolazioni. Di conseguenza, possono verificarsi distorsioni del corpo, e la malattia stessa è debilitante. La maggior parte dei pazienti può migliorare praticando un esercizio appropriato e ricevendo cure adeguate. L'artrosi è meno debilitante, in quanto non porta a distorsioni; è trattato come un attributo della vecchiaia. Colpisce le articolazioni dell'anca e del ginocchio ed è particolarmente grave per le persone in sovrappeso. Secondo la Arthritis Foundation di Atlanta, negli Stati Uniti circa 75 persone accese 10000 sono affetti da artrite reumatoide, questo disturbo si verifica due volte più spesso nelle donne che negli uomini. L'artrosi colpisce circa 600 persone accese 10 000, co, quanto è facile calcolare, dà un numero 16 milioni di americani. Come in precedenza, due terzi sono donne.

L'artrosi si verifica quando la cartilagine che circonda le ossa delle articolazioni si consuma. La cartilagine non ha vasi sanguigni, con cui potrebbero ricevere le sostanze necessarie. Tuttavia, poiché v 70% sono costituiti da acqua, svolge le "funzioni di trasporto".”. Quando si muove nell'articolazione, la cartilagine viene compressa, e l'acqua che ne esce trasporta sostanze non necessarie. Quando la pressione nello stagno diminuisce in una frazione di secondo, l'acqua ritorna alla cartilagine, fornendo nutrienti freschi.

Puoi vedere da qui, che più traffico, le nostre articolazioni saranno in condizioni migliori. Ma non solo ci muoviamo di meno con l'età, ma anche il materiale cartilagineo invecchia, quale – simile a una guarnizione di gomma in una valvola di metallo – inizia a indebolirsi e a perdere col tempo. Quando la cartilagine è danneggiata, si forma acido arachidonicoid, che poi porta alla produzione di prostaglandine infiammatorie. Questo, a sua volta, scoraggia il movimento, quindi la condizione si aggrava e si chiude un circolo vizioso.

Quando la cartilagine inizia a cedere, l'osso diventa più duro, per compensare la necessità di contatto diretto con l'altro osso nell'articolazione. Tuttavia, più duro è l'osso, più è facile rompersi sotto urti e cadute. I siti di frattura si ricoprono di osso ancora più duro, e l'articolazione inizia a distorcersi. Forse un giorno gli scienziati inventeranno un "lubrificante" chimico” per le articolazioni o sarà anche in grado di stimolare il corpo a ricostruire la cartilagine usata. Fino ad allora, dobbiamo fare affidamento sui farmaci per ridurre l'entità del danno e del dolore.

C'è stato un periodo dopo la seconda guerra mondiale, quando gli steroidi sono stati prescritti come trattamento per l'artrite. Hanno permesso di controllare il decorso della malattia, tuttavia, potrebbero avere gravi effetti collaterali. Inizia quindi la ricerca di farmaci non steroidei in grado di svolgere le stesse funzioni. Molte specifiche sono state scoperte, tuttavia, non erano farmaci per rimuovere l'artrite, perché hanno agito solo in modo sintomatico e hanno portato sollievo alla vita quotidiana con la malattia. Gli ultimi progressi della scienza farmaceutica ci hanno avvicinato al nostro obiettivo. I medici ora hanno la penicillamina nel loro arsenale, idrossiclorochina (usato anche per curare la malaria), sulfasalazynę, e anche farmaci contenenti oro. Tra questi c'è auranofin (nome commerciale di Ridaura), somministrato in casi particolarmente gravi di artrite. Questo farmaco è efficace nel fermare l'artrite reumatoide. Può essere somministrato per via orale, e non, come la maggior parte dei farmaci di questo tipo, in iniezione. Ha anche meno effetti collaterali.

Tuttavia, la maggior parte dei malati di artrite trova aiuto con i cosiddetti FANS. Negli Stati Uniti, vengono venduti annualmente per ca 2 miliardi di dollari. Na Zachodzie tego typu specyfików potrzebuje około 50 milioni di anziani, abbastanza prospero, potersi permettere un trattamento. Questo potrebbe spiegare, perché le aziende farmaceutiche sono disposte a investire così tanto nella ricerca di una cura per l'artrite?.

I medici ora possono prescrivere molti FANS. Anche se il paziente non tollera alcune specificità, c'è sempre un'alternativa. I medici di solito iniziano con ibuprofene o paracetamolo. Se hanno effetti negativi, puoi provare l'operazione in giro 25 altre specifiche, finché non si trova questo, che sarà tollerato. Alla ricerca di mezzi alternativi, i medici di solito prescrivono nuovi farmaci, di solito leggermente migliori delle loro controparti più vecchie (che sono anche privati ​​della tutela brevettuale e non portano royalties alle aziende, in cui sono stati sviluppati). Infatti 25 i farmaci per un disturbo sembrano essere un numero eccessivo, eppure ci sono altri che aspettano in fila per l'approvazione per l'ammissione alla vendita. I farmaci antinfiammatori non steroidei differiscono per la loro acidità e la loro capacità di penetrare in diverse parti del corpo. Per, che corrisponde a un paziente, in un altro, ulcererà l'intestino, e perché è così?, rimane un mistero. Due dei FANS sono commercializzati come farmaci ampiamente disponibili. Salvo che, che i medici li prescrivono ai pazienti affetti da artrite, sono usati da milioni di persone come antidolorifici universali.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *